Il coraggio di ricominciare

IMG-20160703-WA00011Come tante altre persone sono nata in una famiglia cattolica con tutte le loro tradizioni.Ricordo che da piccola, durante le vacanze, andavo in campagna dalla mia amata nonna materna che, nella sua semplicità, mi ha insegnato ad avere timore di Dio. Nonostante ciò non ho mai imparato a recitare le preghiere, non ho fatto né comunione né cresima. Però ritenevo un bene andare in chiesa a pregare e ad accendere lumini alle statue e ai morti sepolti nel cimitero. All’età di 19 anni e mezzo circa, ho avuto mio figlio che ha dovuto trascorrere parte dei suoi anni con i miei genitori.  Ero giovane e non ho avuto il coraggio di prendermi la responsabilità di accudire un bambino. Dopo aver lasciato la casa genitoriale ho provato esperienze diverse in mondi particolari: Ballerina, modella, persino la politica.  Mi ritenevo una bella ragazza e nella mia ingenuità credevo alle favole del successo e della notorietà, inganni di questo mondo. Mi trovai ben presto smarrita sulla via della vanità. Arrivata in Italia, a Milano, ho studiato naturopatia e aperto un centro di medicina naturale ma una segretaria, appena assunta, con mezzi, a dir poco diabolici, mi ha portata in poco tempo a chiudere l’attività. All’età di circa 47 anni mi sono trovata a vivere in casa di mio figlio stanca e confusa.  Delusa e senza aspettative ho iniziato a leggere un libro dal titolo: “La battaglia del Signore”.  Ho compreso che, come sostiene la Bibbia, è in atto una guerra spirituale tra il bene e il male, tra Dio e Satana e nel mezzo c’è l’umanità che subisce le influenze diaboliche. Ma ho anche scoperto che Dio ha dato Suo Figlio Gesù a morire sulla croce per darmi la vittoria sul male e che questa guerra non era mia ma di Dio.

Quindi, mi sono arresa è ho detto a Dio: “Se la battaglia e tua allora mi affido nelle tue mani”.  Una profonda pace mi ha invasa sollevandomi da quel peso che mi angosciava. Avevo imparato il Salmo 91 a memoria e le sue parole mi facevano sentire protetta. Ancora non conoscevo la Verità, soltanto dopo questa esperienza ho iniziato a capire e a innamorarmi del messaggio contenuto nella Bibbia. Ero felice! Finalmente avevo trovato ciò che da sempre cercavo. Avevo trovato la mia strada! Avendo studiato medicina naturale mi sono trovata con un radicato retaggio fondato sulla filosofia ritenuta, da molti, capace di rispondere ai problemi dell’umanità. Ma, grazie alla misericordia di Dio ho conosciuto Gesù, la via, la verità e la vera vita. Egli ha cambiato la mia vita, il mio cuore, i miei obiettivi. Oggi esercito ancora nel ramo ma alla luce dell’onestà della Parola di Dio, la Bibbia! Oggi mi sento una donna cristiana felice, ho la pace, serenità per il futuro. Ho conosciuto Gesù ed egli mi ha resa libera. Molti si ricordano di Gesù solo in alcune occasioni e lo ritengono sempre piccino, piccino e a Natale lo festeggiano. Non hanno sperimentato la missione di Gesù su questa terra; Egli è venuto come Salvatore e Redentore, ha guarito ammalati, fatto miracoli e consolato i cuori di molti afflitti. Lo hanno tradito, arrestato, flagellato e ucciso. Appeso alla croce esclama le Sue ultime parole, una preghiera rivolta al Padre: “Perdona loro perché non sanno ciò che fanno”. In questo “loro”, caro lettore, ci sei anche tu. Anche tu hai concorso a crocifiggere Gesù perché non sono stati degli uomini a farlo ma Egli ha voluto offrire la Sua giovane vita per il perdono dei peccati, dei miei e dei tuoi. E’ vero, l’hanno ucciso, è morto ed è stato sepolto ma la tomba non Lo ha potuto trattenere: Egli è risorto e ora vive! Nella Sua morte ha vinto il peccato e la Sua resurrezione mi perette di vivere in comunione con Dio. Finalmente adesso so chi sono; Una figlia di Dio, perdonata da Dio Padre a motivo del sacrificio di Gesù. Prego Dio che tu possa deciderti a conoscere questa verità (Gesù,) affinchè anche tu possa ritrovarti!

Susana

Lascia un commento